Eleonora maurizi

Il progetto

Una BAG GUM non è una gomma da masticare ma un luogo da riempire di sé.
Una BAG GUM è un assemblaggio poetico di materie e oggetti da altri mondi.
Una BAG GUM è un racconto visivo intessuto di segni evocativi che stuzzicano l'immaginario comune.
Una BAG GUM è un'esperienza sensoriale che accende fotogrammi di memoria.
Una BAG GUM è un micro paesaggio femminile riassunto in pochi tratti.
  Questi i principi guida della designer Eleonora Maurizi, da anni impegnata in progetti di riciclo creativo dalla forte valenza simbolica ed espressiva. Piccoli oggetti funzionali, nati da libere associazioni di idee, forme e materiali, dall'effetto familiare e al contempo straniante. In particolare, la serie BAG GUM borse & accessori si connota per l'estrema varietà tipologica e formale. Per l'uso costante della gomma nera, quale supporto di elementi eterogenei a contrasto, desunti da diversi ambiti della produzione di largo consumo. Il risultato è un melting pot materico che rimanda alla poetica di ibridazione delle avanguardie artistiche, dagli accostamenti imprevedibili e originali, senza mai sacrificare l'eleganza. Dall'universo multiforme delle BAGGUM, prendono così forma astratta le piccole e grandi icone dell'immaginario popolare che attinge al cinema, alla narrativa, al fumetto, alla storia o all'ordinario quotidiano dell'umano: “Betty Boop”, “Blow up”, “Triclops”, “Gilda”, “Rosetta”, “Austerity”, “Coco”, “In-grid”, “Marguerite”, “Kandinska”, “Japan time”, “Belle Epoque”, “Rigo-Rosa”, “Miss-Iva”, “Lady Barba”, “Calamity Jane”, “Indiscreta” e tante altre. Un luna park di oggetti singolari, che contrappongono alla loro intrinseca eterogeneità una forte identità figurativa, e ci raccontano con velata ironia le mutevoli e bizzarre forme dell'essere e dell'apparire.